Home » Agenda » Agenda della Riserva

E-Bike e sostenibilità

Creare il futuro rispettando natura e comunità

(Garfagnana, 30 Dicembre 2020) - Negli ultimi anni il mondo della Mtb è stato letteralmente rivoluzionato dalla nascita del fenomeno E-Bike. Ad un tratto la montagna è diventata più accessibile, valli e crinali sono solcati da migliaia di appassionati e la crescita è esponenziale. Oltre alla bellezza della disciplina ed al contatto con la natura si aprono però anche problematiche nuove legate all'erosione dei sentieri ed alla convivenza con gli altri fruitori della montagna. In Garfagnana però esiste una realtà giovane e dinamica che ha fatto della ecocompatibilità la sua bandiera. È una storia degna di essere raccontata, una coppia di bikers, lui inglese e lei tedesca, arriva in questa terra, ne vede il potenziale e al tempo stesso se ne innamora a tal punto da farne la loro casa e il loro paradiso.

Ce la siamo fatta raccontare direttamente dai protagonisti, Richard Williams e Sandra Brandt

Quando siete arrivati in Garfagnana e perché avete scelto questa valle per costruire il vostro progetto?

Richard lavorava come guida di tours in Mtb a Molini di Triora il Liguria, io andai la in vacanza e così ci incontrammo. L'anno dopo decidemmo di creare la nostra agenzia di viaggi in Mtb e iniziammo la ricerca di un luogo che fosse adatto al nostro progetto e ai nostri sogni. Ci vollero anni e visitammo varie regioni d'Europa e alla fine scoprimmo la Garfagnana. La sua bellezza ci lasciò senza fiato, capimmo subito che era il luogo ideale per dar vita al nostro progetto, una verde valle tra l'Appennino e le Alpi Apuane.

Avete iniziato quindi a condurre gruppi di bikers su queste montagne, come ha reagito il pubblico alla nuova destinazione?

La nostra agenzia si chiama Ridgeline, in italiano possiamo tradurla in cresta o crinale, un nome che raccoglie sia l'asprezza delle Apuane che il sinuoso Appennino. Abbiamo creato una squadra composta da locali esperti del loro territorio, per circa due anni abbiamo esplorato il territorio riscoprendo antichi sentieri ripulendoli, ricostruendo i punti danneggiati e unendoli tra loro. Abbiamo voluto fin da subito che Ridgeline si fondesse con il tessuto sociale e produttivo della Garfagnana. Vogliamo che i nostri clienti vivano pienamente la valle. Questo approccio ha dato i suoi frutti, ad oggi Ridgeline è uno dei leader europei nella creazione di vacanze dedicate alla Mtb e all'enduro bike, promuoviamo e diffondiamo la Mtb nella sua forma più pura.

Il fenomeno e-bike sta portando migliaia di nuovi appassionati e con loro anche problemi relativi alla coesistenza con altre discipline e il degradamento dei sentieri. Come affrontare questa tematica?

Quando siamo arrivati oltre alla bellezza abbiamo sentito il peso della responsabilità. Volevamo creare un nuovo sistema turistico, ma al tempo stesso non volevamo snaturare e danneggiare questa terra. Per questo fin da subito la nostra bandiera è stata la sostenibilità ambientale e il rispetto delle comunità locali. Ricostruiamo e ripuliamo sentieri in accordo con le amministrazioni pubbliche e chiedendo tutti i permessi agli eventuali proprietari privati. Le opere di manutenzione sono fatte esclusivamente a mano utilizzando materiale che reperiamo nell'area senza abbattere alcun albero. Ogni anno i percorsi vengono manutenuti, l'acqua viene convogliata fuori dalle tracce in modo da evitare l'erosione, inoltre se riscontriamo segni di usura eccessiva chiudiamo il percorso e non lo usiamo per almeno tre anni. Questo approccio ha creato un legame virtuoso con le comunità locali e ha suscitato forte apprezzamento in ambito internazionale.

In che senso?

L'americana Santa Cruz, una delle aziende leader nella produzione di biciclette, è il nostro main sponsor. Questa, attraverso il progetto PayDirt, ogni anno finanzia opere di creazione, ripulitura e manutenzione di percorsi e circuiti in tutto il mondo. Tutto in chiave strettamente ecocompatibile e non impattante sull'ambiente ovviamente. Il nostro progetto di sviluppo per la Garfagnana è stato selezionato e finanziato come uno dei migliori d'Europa. Una grandissima soddisfazione e un riconoscimento di qualità per il territorio tutto.

Possiamo dire quindi che ecocompatibilità ed attenzione al territorio siano le vostre carte vincenti?

Assolutamente si, per arricchire ancora di più questo legame abbiamo creato un'associazione sportiva senza scopo di lucro chiamata Garfagnana Bike. Questa ha lo scopo di allargare il numero di percorsi ripuliti e manutenuti creando un grande network che faccia della Garfagnana un modello. Il nostro scopo è dotare la valle di una rete di percorsi moderna ed ecocompatibile, educando alla pratica della mtb sostenibile. Lo facciamo per una terra che amiamo e che chiamiamo casa.

(Stefano Lera)

foto della notizia
Richard Williams e Sandra Brandt. Foto di Stefan Voitl
foto della notizia
Manutenzione sentieri. Foto di Max Schumann
foto della notizia
Crinale Appennino. Foto di Stefan Voitl